blog
home / BLOG / La magia di Roma, mai così azzurra

La magia di Roma, mai così azzurra

Pubblicato il 4 maggio 2021

Ancora non ci siamo liberati della pandemia, il pubblico sarà nuovamente contingentato e non potrà colorare completamente il Foro Italico come eravamo abituati a vedere in passato. Ma questa edizione numero 78 degli Internazionali BNL d’Italia, al via sabato con le qualificazioni, sarà – sotto il profilo delle aspettative tricolori – una delle edizioni più importanti di sempre.

Mai, negli ultimi 40 anni e passa, ci eravamo presentati al torneo più prestigioso della stagione su suolo italiano con una tale forza d’urto complessiva del movimento maschile. Mai ci siamo ritrovati a pensare seriamente di poter arrivare in fondo alla settimana nella Capitale, peraltro non con un solo giocatore, ma con almeno due o tre. Aspettiamo con trepidazione Matteo Berrettini, Jannik Sinner, Fabio Fognini, ma pure Lorenzo Sonego, Lorenzo Musetti e tutti gli altri protagonisti di questa imprevista e straordinaria valanga azzurra: otto sono già nel main draw, altri potrebbero aggiungersi. Li aspettiamo già sapendo che gli avversari saranno ostacoli durissimi, di eccezionale qualità, ma che loro ci sapranno regalare emozioni come hanno fatto durante gli ultimi mesi. La terra, inoltre, tutto sommato dovrebbe darci una mano: se da un lato spunterà le armi a qualcuno (Berrettini, per esempio), dall’altra si tratta pur sempre della superficie che sentiamo più nostra, e sulla quale tradizionalmente abbiamo ottenuto i migliori risultati.

PUBBLICO AL 25 PER CENTO (DAGLI OTTAVI)

Lo scorso anno, in una atipica collocazione settembrina per sfuggire alle grinfie della pandemia, il Foro Italico accolse già un succoso aperitivo di quello che potremmo vedere oggi e in futuro: un quarto di finale di Matteo Berrettini, due eliminazioni negli ottavi con qualche rimpianto per Lorenzo Musetti e, soprattutto, per Jannik Sinner. Stavolta l’obiettivo è andare ancora più lontano, per un’edizione che si annuncia come quella della ripartenza, anche sotto il profilo così delicato della presenza di pubblico: dal giovedì, con gli ottavi di finale, saranno infatti ammessi gli spettatori (tutti con mascherina FFP2) nella misura massima del 25 per cento della capienza degli stadi. Un passo avanti significativo rispetto al vuoto quasi totale del 2020. “Il nostro torneo – ha sottolineato il presidente della Fit Angelo Binaghi – ha una rilevanza e una visibilità mondiale. Siamo orgogliosi di essere il primo sport in Italia ad aver ricevuto la deroga dal Governo. Siamo orgogliosi che il nostro torneo possa rappresentare la prima occasione per tutti i telespettatori che ci vedranno in tutto il mondo per dimostrare che il nostro Paese si avvia alla normalità. Credo che la presenza del pubblico sia una buona notizia anche per la sindaca di Roma Virginia Raggi, con cui continuiamo una proficua collaborazione che va avanti da anni. Devo ringraziarla particolarmente per il sostegno che ci ha dato al termine dell’edizione passata, credo la più tormentata della storia, sotto tutti i punti di vista”.

100 EURO A TELETHON PER OGNI ACE

Roma dunque ritrova la gente, mantiene la sua data consueta, mantiene la promessa di essere un evento irrinunciabile per il mondo della racchetta. “Una magia che dobbiamo preservare – dice il presidente di Sport e Salute, Vito Cozzoli – per mostrare al mondo che possiamo ripartire in sicurezza ma con entusiasmo”. “Siamo al 15° compleanno della partnership tra BNL e IBI – spiega infine Mauro Bombacigno, Responsabile Engagement BNL – ed è fonte di orgoglio e felicità vedere il nostro nome associato al titolo del torneo. Per BNL contano i valori, oltre che l’aspetto della sponsorizzazione, e il connubio con gli Internazionali BNL d’Italia ci porta a condividerli: parliamo di sacrificio, disciplina, di rispetto per l’avversario. Oltre allo sport, inoltre, guardiamo ad altri ambiti: siamo al 30° anniversario di Telethon, e per questo abbiamo deciso che doneremo 100 euro per ogni ace che verrà messo a segno sul campo centrale durante il torneo. Siamo sponsor del torneo di wheelchair a cui teniamo moltissimo, e diamo un aiuto concreto ai giovani con il progetto Young Talent: borse di studio riservate ai giovani più promettenti, che in certi casi non hanno i mezzi per inseguire il loro sogno. Noi cerchiamo di fornire loro la chance di poterlo raggiungere”.