blog
home / BLOG / FORZA 4!

FORZA 4!

Pubblicato il 3 gennaio 2017

Avanti veloce, fast-forward. Anzi, 'Fast 4'. Il tennis, ormai da tempo, pensa a come snellire i suoi tempi. Ieri sono stati i palinsesti tv a dettare la necessità, oggi è il ritmo-social a rinnovare e rinforzare la richiesta. L'Australia, che rispetto al resto del mondo avanti lo è già (se non altro per ragioni di fuso orario), è la prima non solo a lanciare una proposta concreta, ma anche a metterla in pratica. E così ecco il 'Fast 4 Tennis': per l'appunto, un pacchetto di regole che fu lanciato un paio di anni fa per le esibizioni e che oggi è già nel mondo delle competizioni ufficiali, seppure part-time, con la Hopman Cup 2016.

Chi la gioca? Otto nazioni, un maschio e una femmina per bandiera, tra cui anche la Svizzera di Roger Federer, al rientro. Una volta tanto però, più del “chi”, conta il “come”. Basta il nome per farsi un'idea di che cos'è e di come funziona il 'Fast 4 Tennis'. È una formula rapida, con set ai 4 game (come è facile intuire), tie-break sul 3-3 e altre regole specifiche che contribuiscono a renderlo rapido. Così, a Perth, sede della manifestazione (senza che siano in palio punti Atp o Wta), i doppi misti si giocano così. Le regole del 'Fast 4 Tennis' prevedono anche la dura legge del no-let: se al servizio la palla colpisce il nastro e rimbalza nel rettangolo di battuta si dovrà continuare a giocare.

La Federtennis australiana ha spiegato con un grafico, con una tabella e con poche righe che cos'è il nuovo regolamento, tramite il suo sito ufficiale. Tanto basta per descrivere e raccontare un format che in prospettiva non solo serve al tennis di vertice, ma anche a far appassionare nuovi possibili praticanti. Gli australiani ci credono tanto da far rientrare la disciplina, sul loro sito ufficiale, nell'elenco “ways to play tennis”. Esistono già vari campionati a squadre che ne fanno uso, le cosiddette League, e gli Aussies ci puntano forte anche per attrarre nuove generazioni di bambini e ragazzi. Sugli schermi (tv, tablet, smartphone) e sul campo.

Ricapitolando, la formula è velocissima: a conti fatti non servono più di 100-120 minuti per effettuare un match al meglio dei 5 set (alla Hopman Cup si gioca al meglio dei 3). Così come, grazie al no-let, non servono più di 7 punti per chiudere un singolo gioco. Il tennis sta cercando di schiacciare sull'acceleratore e di diventare più frizzante: resta però da capire quanto veloce potrà essere – se mai si svilupperà del tutto – il processo di cambiamento.