blog
home / BLOG / F&F

F&F

Pubblicato il 30 dicembre 2013

Come da tradizione, il tennis ha stappato lo champagne prima della mezzanotte.
Nonostante il calendario segni ancora 2013, maschi e femmine con la racchetta si sono già iscritti al nuovo anno solare sotto rete. I tennisti sono partiti ad Abu Dhabi (con la prima vittoria di un tonico Djokovic) e Perth, le donne da Brisbane.
Tutti alla ricerca del grande caldo in vista degli imminenti Australian Open, il primo Slam del 2014 sul cemento infuocato di Melbourne.

Molte le novità a palline ferme: il recupero fisico e mentale di Andy Murray e Maria Tiffany Sharapova, le nuove scelte strategiche di Djokovic e Federer. Il serbo ha deciso di far entrare nel suo entourage Boris Becker, lo svizzero cerca di dimenticare un’annata orribile grazie ai consigli del suo idolo da piccolo, Stefan Edberg. Non sono: in casa Federer, oltre che al campo, si penserà anche al pancione. L’idolo di Basilea diventerà papà per la terza volta e non ha nessuna intenzione di gettare la spugna: “Mi criticano, com’è giusto che sia, ma io non sono finito”. Per quanto riguarda il calendario delle tappe 2014 ci sono solo alcune novità: l’Atp 500 di Rio de Janeiro e quello 250 di Shenzhen in Cina. Per il resto tutto immutato, tranne la settimana in più di riposo tra il Master di Parigi Bercy e le Finals di Londra. Chiusura della stagione a fine novembre con la Coppa Davis.
La cornice del quadro della stagione è completa.
Ora arriva la classica domanda da lotteria: chi sarà la sorpresa del 2014?
Partiamo con gli uomini. Lo scozzese Murray ha salutato con troppo anticipo i compagni di classifica a causa dell’infortunio. Immaginare per lui “un 2013 alla Nadal” sarebbe impossibile ma siamo certi che Andy tornerà con le batterie ricaricate per crescere ancor di più in classifica. Una graduatoria con una notevole differenza tra i primi due (Rafa e Nole) e gli altri. Da Ferrer a Tsonga ballano 7 posizioni nelle quali troviamo Sir Roger volenteroso di rivincite, un Wawrinka non più comprimario, il duo Gasquet-Tsonga a contendersi lo scettro di migliore dei francesi.
Un occhio di riguardo anche tra la 10ª e la 20ª posizione: Milos Raonic è cresciuto tantissimo, Tommy Haas sta vivendo una seconda giovinezza. La nostra speranza è però più patriottica: si chiama Fabio Fognini. Il ligure, appesi gli scarpini al gioco dopo la fugace apparizione in una partita di campionato di calcio con la sua squadra del paese, ha voglia di trovare più solidità nei lunghi tornei degli Slam e lasciare in valigia le fasi a vuoto che le penalizzano così tanto. La distanza con la Top Ten non è così abissale, sognare non fa male.

Diverso il discorso in campo femminile. Serena Williams ha lasciato letteralmente le briciole alle avversarie, riservandosi anche il tempo di polemizzare per questioni amorose con Maria Sharapova. La russa (solo di passaporto) ha velocemente accantonato il mese di lavoro con Jimmy Connors e vuole riguadagnare punti in classifica. La vetta è un puntino lontanissimo all’orizzonte. A fare la fila dietro a Serena ci sono l’antipatica – ribattezzata così dalle college – Vika Azarenka e la cinese Na Li. Le nostre Errani e Vinci sono in 7 e 14 posizione. Ripetersi, come abbiamo avuto modo di constare dodici mesi fa con Sara, non sarà affatto facile, sia in singolare che in doppio. Qualche gradino più giù (31ª) Flavia Pennetta. E se il 2014 fosse un anno a tinte azzurre? Le basi ci sono tutte, ora non resta che duellare sotto rete. Le nostre scommesse si chiamano Fabio e Flavia.

 

ph credits: shuttesrstock