blog
home / BLOG / Un regalo sotto l’albero

Un regalo sotto l’albero

Pubblicato il 20 dicembre 2012

Natale, tempo di regali e sorprese. Vi è mai capitato di scoprire che, al cenone con tutta la famiglia, ricompaia un vecchio zio emigrato in America? Oppure che si presenti la fidanzata di vostro fratello? Insomma, quelle situazioni da “ultima spiaggia” con fuori la neve. Bisogna subito farsi venire un’idea in fretta. Bisogna trovare qualcosa di utile e non banale.

Ci siamo: un libro, un grande classico.

Con queste righe noi vogliamo andare oltre. Non solo ricordarvi che un libro è sempre un pensiero gradito, se poi è un libro sul tennis la gratificazione è doppia. Premessa doverosa; non c’è nessun intento pubblicitario. Vogliamo solo segnalarvi quattro titoli per una lettura sotto l’albero.

 

Open di Andre Agassi (ed. Giulio Einaudi)

L’incipit è già tutto un programma. “Odio il tennis, lo odio con tutto il cuore, eppure continuo a giocare, continuo a palleggiare tutta la mattina, tutto il pomeriggio, perché non ho scelta. Per quanto voglia fermarmi non ci riesco. Continuo a implorarmi di smettere e continuo a giocare, e questo divario, questo conflitto, tra ciò che voglio e ciò che effettivamente faccio mi appare l’essenza della mia vita…”.
Come possiamo aggiungere altro? Vi assicuriamo che lo stesso personaggio che ha messo a soqquadro l’intero circuito del tennis con la sua stravaganza e il suo talento vi sorprenderà con la penna.

 

Non puoi dire sul serio di John McEnroe (ed. Piemme)

Il tennis descritto da SuperBrat, il Supermoccioso, vera icona della racchetta di legno e degli anni ’80. Dai suoi racconti sulla Coppa Davis, alla New York che non trova pace, fino ai match e all’amicizia-rivalità con Borg. Pagine per grandi e piccini. Per i primi un tuffo nel passato, per i secondi un modo per conoscere l’essenza dello sport.

 

Rafa Nadal – Il re della terra di Giubilo Ray (ed. Hoepli)

Quanto ci è mancato, nella seconda parte della stagione, il grande atleta maiorchino? Per non dimenticarci di lui e per prepararci bene, in grande stile, per il suo ritorno di fine anno, ecco della pagine che fanno al caso nostro.

 

Il tennis come esperienza religiosa di David Wallace (ed. Piemme)

Considerato da molti come lo scrittore americano più lucido dell’ultima generazione, da giovane ha accarezzato il palcoscenico principale senza riuscirci. In questo piccolo libro ci regala due pagine memorabili: un’epica edizione degli Us Open e un capitolo dedicato a Roger Federer. Imperdibile.

 

Pronti a correre in libreria o sotto l’albero?