blog
home / BLOG / La difficile giornata degli azzurri al Foro

La difficile giornata degli azzurri al Foro

Pubblicato il 9 maggio 2022

Cinque partite, cinque azzurri impegnati, con partite mediamente molto difficili. Ecco l’analisi dei match più interessanti della giornata di lunedì agli IBI22.

COBOLLI VS BROOKSBY

Prima esperienza nel main draw di un Masters 1000 per Flavio Cobolli, ventenne romano che negli ultimi mesi ha vissuto una crescita importante. Il sorteggio poteva essergli più amico, perché Jenson Brooksby è uno di quegli avversari capaci di non dare ritmo e di creare problemi difficili da risolvere. Tuttavia, l’americano non è certo un esperto di terra battuta, e l’aiuto del pubblico della Capitale (a patto che non si trasformi in una eccessiva pressione) potrebbe creare l’atmosfera giusta per la sorpresa. Il match, in sostanza, non è chiuso.

SONEGO VS SHAPOVALOV

Lorenzo Sonego deve difendere una cambiale importante, al Foro Italico, quella semifinale del 2021 che rappresenta uno dei momenti più alti della sua carriera. Lorenzo purtroppo, in questo momento, non è nella stessa condizione e non ha la stessa fiducia di dodici mesi fa, ma allo stesso tempo il calore di Roma potrebbe dargli quella carica decisiva per fargli cambiare una stagione fin qui troppo anonima. Denis Shapovalov lo conosciamo: è capace di prestazioni straordinarie ma anche di vivere giornate no, in cui gli riesce poco o nulla. E la terra non dovrebbe dargli una mano.

FOGNINI VS THIEM

Si tratta del match clou di giornata. Di fronte da una parte l’azzurro che per tanti anni, prima dell’arrivo sul palcoscenico di Matteo Berrettini e Jannik Sinner, ha trascinato la pattuglia tricolore, a Roma come in Davis e come nei tornei dello Slam. Fabio non sarà all’apice della carriera, ma ha ancora qualcosa da dare, e match come questo sembrano fatti apposta per dargli motivazioni, tanto più che al secondo turno ci sarebbe un possibile derby contro Jannik Sinner che diventerebbe uno dei momenti clou della settimana. In mezzo c’è Dominic Thiem, e bisogna sperare che l’austriaco non prenda proprio il Foro Italico come luogo per la sua rinascita.

GIORGI VS TOMLJANOVIC

Camila Giorgi è impossibile da pronosticare. Non contano il torneo e la superficie, conta relativamente poco l’avversaria di turno. Camila ha dimostrato che quando è in giornata può battere praticamente chiunque, ma sulla terra ha bisogno di essere particolarmente centrata e attenta per non regalare punti. La sfida contro Ajla Tomljanovic è alla sua portata, ma il fatto di giocare in sessione serale, con il campo presumibilmente umido e dunque più lento, potrebbe essere un piccolo ostacolo aggiuntivo da superare.

COCCIARETTO VS BENCIC

Tra le azzurre, Elisabetta Cocciaretto è stata la meno fortunata nel sorteggio. Belinda Bencic al momento sembra decisamente superiore alla marchigiana, che sta cercando di ritrovarsi dopo un periodo complicato dovuto in parte al serio infortunio al ginocchio patito lo scorso anno, e in parte a una carenza di fiducia nel momento in cui le vittorie hanno cominciato a latitare. Solo il fatto di respirare nuovamente l’atmosfera di un grande evento come gli Internazionali BNL d’Italia darà alla coraggiosa Elisabetta una spinta in più, ma se dovesse battere la Bencic saremmo di fronte a una grande sorpresa.