blog
home / BLOG / LA RIVOLUZIONE DI UNA NOTTE

LA RIVOLUZIONE DI UNA NOTTE

Pubblicato il 2 gennaio 2015

Cambierà il modo di giocare a tennis? Sarà una rivoluzione copernicana della racchetta oppure un evento commerciale, seppur con grandissimi interpreti dietro alla rete, che si esaurirà in una notte?

Dubbi legittimi quelli che precedono la discesa in campo di SirRoger Federer e Lleyton Hewitt nel match esibizione di Sydney, in calendario il prossimo 12 gennaio. Un cambio delle regole profondo, non legato a idee esclusivamente “da scrivania”, come quelle elencate da mister ATP Kermode durante le Finals di Londra dello scorso dicembre. 

Si giocherà al meglio dei cinque set, ma non con 6 games bensì delle lunghezza di quattro parziali. Non ci saranno i vantaggi: sul 40-40 chi si aggiudica il primo punto vince il game.

Grossi cambiamenti anche per quanto riguardo il servizio, di cui sia Federer che Hewitt sono degli ottimi interpreti. Non verrà chiamato nessun “let”; la pallina, nel caso in cui tocchi la rete, sarà considerata valida, un po’ come succede nei servizi della pallavolo. Anche il tie-break sarà accorciato, sempre per il medesimo principio: più la partita sarà rapida, più sarà divertente (almeno questo pensano gli organizzatori).

Si giocherà al Sydney Entertainment Centre, il giorno dopo la finale del torneo di Brisbane (al quale entrambi sono al momento iscritti) e una settimana prima di Melbourne, il primo Slam della stagione 2015. Due ex numeri uno come candidati a lanciare un nuovo formato di sport. Ma sarà così?

Tennis Australia, per voce del Presidente Craig Tiley, sta spingendo molto all’interno del Paese per questo tennis-veloce, quasi una via alternativa al padel. La presenza di Federer darà lustro all’incontro ma non è certo il nativo di Basilea il portabandiera adatto per questa rivoluzione, lui che del tennis-tradizionale è stato il miglior interprete degli ultimi cinquant’anni. Anche Hewitt, qualche decennio fa, è stato il migliore di tutti. Coetanei e grandi amici fuori dal campo, Roger e Lleyton hanno entrambi superato i 30 anni, si sono affrontati 27 volte in carriera con una bilancia di vittorie favorevole allo svizzero (18).

L’incontro può passare sotto traccia oppure essere il primo di una lunga serie. Le scommesse sulle conseguenze tra i professionisti della racchetta sono aperte. A voi la scelta.