blog
home / BLOG / BINAGHI: “RECORD, MALGRADO LA PIOGGIA”

BINAGHI: “RECORD, MALGRADO LA PIOGGIA”

Pubblicato il 19 maggio 2019

“È stata la prima edizione, e spero anche l’ultima, dei Campionati Internazionali invernali d’Italia”. Prova a riderci sopra, Angelo Binaghi, sulle sfortune climatiche del torneo più importante del nostro Paese. Nella consueta conferenza stampa di fine torneo, il presidente della Federtennis entra nel dettaglio di alcuni argomenti chiave della settimana, a partire proprio dalla pioggia. Ma sottolineando pure il dato degli incassi, ancora una volta da record, così come da primato è stato il numero degli spettatori: 223.455 paganti per oltre 13 milioni di euro.

 

RIMEDI CONTRO LA PIOGGIA

“Ci sono cose che non si possono controllare, come un’intera giornata cancellata dal maltempo, che a memoria d’uomo non ricordiamo abbia un precedente in questo evento. Ci sono due modi, per ovviare al problema del meteo avverso, ma nessuno dei due dipende da noi. Il primo è il tetto, di cui si parla sempre molto ma senza informare noi della Fit, che siamo stati tagliati fuori da ogni comunicazione al riguardo. Per quanto ne sappiamo, dunque, riguardo a questo progetto siamo ancora allo stato di partenza. Il secondo modo è quello di spalmare il torneo su dieci giorni, come era in progetto di fare prima che la modifica si arenasse per volontà della stessa Atp, e dunque dei giocatori. Noi, per esser chiari, di questa situazione siamo vittime: se Madrid e Roma fossero programmati nell’arco di tre settimane, tutti, giocatori compresi, ne trarrebbero giovamento”.

 

I RIMBORSI

“La pioggia ha ovviamente comportato anche la necessità di rimborsare i biglietti del mercoledì, per coloro che non li hanno utilizzati il giorno successivo. Il rimborso avverrà nei prossimi giorni. Ci siamo trovati a gestire una situazione molto difficile, e per questo vorrei dire grazie ai due direttori, Sergio Palmieri e Diego Nepi Molineris. Nessuno di loro, peraltro, ha preso decisioni riguardo agli spostamenti dei match durante la giornata di mercoledì, perché in quel caso tutte le scelte competono ai supervisor Atp e Wta”.

 

BRAVO FOGNINI

“In mezzo alle prese di posizione dei giocatori, ci tengo a sottolineare il comportamento di Fabio Fognini, a cui mi sento di dire bravo. Perché oggi è molto difficile, nello sport di alto livello ma anche nella vita, trovare qualcuno che sia in grado di chiedere scusa. Lui, dopo aver avuto una reazione istintiva, lo ha fatto e gliene va reso merito. Ha fatto una cosa per nulla banale”.

 

NEXT GEN

“Stiamo valutando con l’Atp la possibilità, per la prossima edizione delle Next Gen Atp Finals a Milano, di trovare un’altra soluzione rispetto alle pre-qualificazioni riservate agli italiani che si sono giocate negli ultimi anni. Liam Caruana, che si era qualificato lo scorso anno, era un po’ troppo staccato dal livello degli altri sette, dunque è possibile che si ripensi questo sistema. Ci sono un paio di soluzioni diverse, ma al di là della formula, la Fit farà il possibile perché si mantenga la wild card a un giocatore italiano”.