blog
home / BLOG / Al zug dla mléina

Al zug dla mléina

Pubblicato il 15 settembre 2012

Fate un tuffo nel passato, al tempo delle scuole superiori. Avete di fronte a voi il professore di filosofia, un uomo saggio, anziano e molto intransigente. Essere interrogati da lui è un vero spauracchio. Può farvi delle domande scomode a cui serve – necessariamente – prendere tempo per azzardare una risposta sensata (che, per onor di cronaca, non si sa).

Temporeggiare. Se lui chiede “Mi parli del pensiero filosofico di Kant” voi iniziate così la risposta “Si, allora, il pensiero filosofico di Kant. Dunque, Kant era un filosofo. E pensava…”

Temporeggiare. Serve temporeggiare. Far finta di tossire, muoversi continuamente. Chiedere dell’acqua. Dire “Si, la sapevo…”. Temporeggiare. Serve temporeggiare.

Deve aver pensato così anche Capdeville, l’avversario del nostro Fognini. Tranquilli, Fabio non si è fatto crescere il barbone bianco. Non c’era nessuna scrivania in mogano sul terreno di gioco. Anche se Capdeville-studente, all’inizio del quinto set, ha fatto di tutto per temporeggiare.

Sapeva che l’oscurità era vicina e con essa la sospensione del match. Voleva a tutti i costi portare la partita al giorno successivo per “giocarsela” in un set solo, dopo un adeguato riposo notturno. Doveva temporeggiare.

I sudamericani, in qualsiasi sport, sono veri maestri dell’arte. Prima la richiesta del fisioterapista per un massaggio alla coscia per non rischiare uno stiramento. Poi le continue lamentele per il buio, sia con il giudice di sedia che con il responsabile della Davis. Di seguito delle cadute per stanchezza e delle lentissime risalite. La pallina troppo sgonfia, l’asciugamano per il sudore quando la temperatura era vicina ai 15 gradi, la stringa slacciata.

Serviva prendere tempo. E così è stato. Fognini – visibilmente irritato – è caduto nella rete “delle Ande”. Il secondo game del quinto set è durato 19 minuti. Grazie alla strategia di Capdeville ed a qualche colpo di troppo in rete dell’italiano.

Tutto rimandato, lo studente è riuscito a fregare il professore.

PS: Qual era il pensiero filosofico di Kant?!