blog
home / BLOG / DONNA DI CUORI

DONNA DI CUORI

Pubblicato il 18 luglio 2017

In un tempo in cui di regine sul campo si fatica a trovarne, è forse il caso di cercare quella vera in tribuna. Si chiama Miroslava 'Mirka' Vavrinec, tennista lo è stata e nemmeno così male (numero 76 Wta nel 2001 come best ranking), ma si è ritagliata un posto nella storia come moglie del 'Migliore di sempre'. Senza di lei, probabilmente, non ci sarebbe stato nemmeno il fenomeno Roger Federer, almeno non nei termini che conosciamo. E basta l'ultima frase a lei dedicata durante Wimbledon (“smetterò quando Mirka lo vorrà”) per capire che non si tratta 'solo' di una compagna, della madre dei suoi quattro figli, ma di una presenza determinante per i risultati da libro dei record.

Sentite lui, il re: “Quando ho incontrato Mirka non avevo ancora vinto nessun titolo, oggi ne ho messi in bacheca un po'… direi che basterebbe questo per capire quanto conta nella mia vita sportiva. È incredibile come lei mi abbia costantemente sostenuto e spinto verso il campo senza mai dirmi o chiedermi per quanti anni ancora avrei dovuto giocare. Mi ha sempre detto di fare a modo mio, e anche durante le pause forzate mi incoraggiava a tornare. Sappiamo bene tutti quanti che questo miracolo non potrà durare a lungo, ma nel frattempo ci divertiamo un sacco, io, lei, i bambini, i nonni. È come un grande circo ambulante, e voglio godermelo più che posso”.

Altro che business, altro che manager. Certo, Mirka amministra la fortuna immensa del marito, ma è un ruolo quasi marginale, in confronto a quello vero: stare accanto a Roger mettendoci la passione degli inizi, di quando si conobbero alle Olimpiadi di Sydney nel 2000. Allora Federer era un 19enne talento ancora acerbo, con i media non così attenti alle sue vicende. Eppure lì, in quei Giochi, cominciò davvero la sua favola, attraverso quel bacio rubato che poi i due avrebbero ricordato più volte negli anni a venire. Più Roger di Mirka, a dire il vero, perché lei sa starsene ben alla larga da interviste, fotografi, gossip vari. Un altro punto di forza da non trascurare.

Nell'anno di Federer e Nadal, nel momento del loro ritorno ai fasti di qualche stagione fa, riemerge dunque il ruolo fondamentale di coloro che stanno accanto al campione. Rafa, in effetti, non è da meno, con la sua Xisca Perello che lo segue da sempre. Non si ricorda un'altra fidanzata al suo fianco, semplicemente perché non c'è mai stata. E quando si sono lasciati, è stato soltanto per fare uno scherzo a un amico. Certo si potrà obiettare che altre donne, in passato, non hanno avuto esattamente lo stesso effetto su altri top players. Ma forse anche la scelta dell'amore della vita fa parte del bagaglio di talenti che un fenomeno deve portarsi dalla culla, per costruirsi una carriera da leggenda.

Mirka Vavrinec ha smesso di giocare a livello pro nel 2002, quando un piede capriccioso le ha impedito di coltivare davvero il suo sogno. Ma quel sogno lo ha ribaltato sull'uomo della sua vita, facendo qualsiasi cosa, rigorosamente dietro le quinte, per fare in modo che potesse arrivare dove nessuno era mai stato. Dietro ai 19 Slam, ai record, a questo 2017 di rinascita e di prospettive così inattese, c'è anche lei: la donna di cuori. La donna del tennis, in un'annata che invece, sul campo, deve ancora trovare la sua vera regina.