blog
home / BLOG / il tabellone ha detto sì

il tabellone ha detto sì

Pubblicato il 10 maggio 2014

Due spose arrivate su splendide macchine d'epoca erano pronte per il grande passo.

?Volti tesi ed emozionati dentro a vestiti pomposi con lunghe code di velo. Le damigelle, al loro fianco, azzardavano improbabili completi fucsia shock mentre i futuri sposi attendevano nella porta d'ingresso del Campidoglio.
Nel frattempo, tre gruppi distinti di curiosi assiepavano il piazzale della Fontana della Dea Roma. Il primo era composto da giovanissimi boy-scout con il cappellino verde in testa per non perdersi; il secondo da animalisti, desiderosi nel sensibilizzare l'opinione pubblica sugli effetti benefici della compagnia di un amico a quattro zampe.
I terzi, ed ultimi, erano fotografi, giornalisti e curiosi che aspettavano di conoscere i tabelloni principali degli Internazionali d'Italia 2014.
Abbandonata la scalinata di Piazza di Spagna di due anni fa e il MAXXI della scorsa edizione, la scelta delle fiches con i nomi dei giocatori ha avuto come teatro il piazzale del sindaco della Lupa. Oltre agli ambasciatori del tennis italiano, Lea Pericoli e Nicola Pietrangeli, oltre ai rappresentanti ufficiali WTA e ATP, due generazioni di italiani erano seduti sullo scomode sedie in attesa di estrarre le palline blu: Filippo Volandri, livornese classe 1981, e Camila Giorgi, undici anni più giovane. Jeans e camicia per il veterano azzurro, pantaloncino e maglia sportiva per la ragazza nata a Macerata. Entrambi in bianco, "come se si dovessero sposare".
Filippo, con un passato da n.25 del mondo, sulla terra rossa del Foro Italico ha sempre disputato buoni match.
Camila, al contrario, deve ancora fare il suo vero ingresso tra le colonne e i marmi sotto la collina di Monte Mario. Pallina dopo pallina, estrazione dopo estrazione, ecco comporsi il main draw di quest'anno.

Per gli uomini Nadal-Murray-Wawrinka-Berdych nella parte alta, Federer-Ferrer-Djokovic in quella bassa. Oltre al nostro Fabio Fognini. Primo turno difficile per Seppi contro il n.15 Haas, come per Tsonga che dovrà vedersela con Dolgopolov. Volandri, nel caso battesse il francese Simon, avrebbe il Centrale prenotato per la sfida a Rafa Nadal. "Anche se sarebbe meglio non incontrarlo mai", ci ha sussurrato il toscano.
Non ha avuto la mano fortunata nemmeno Camila, emozionata e diplomatica nelle dichiarazioni pre-torneo. Il suo cognome si è inserito al primo turno sotto quello di Dominika Cibulkova, testa di serie numero 9. Una sfortuna che condivide con l'altra compagna di Davis, Karin Knapp, associata ad Ana Ivanovic, vincitrice del Rolando Garros 2008. Tra le big Serena e Sharapova sono nella parte alta, con una possibile semifinale che già fa sognare i romani, sempre se l'americana ha recuperato bene dal suo dolore alla coscia. Nella parte bassa troviamo le altre nostre quattro italiane: Pennetta (contro Meusbueger), Schiavone, Errani e Vinci. Le compagne di doppio, in caso di vittoria su una qualificata e la russa Makarova, potrebbero ritrovarsi in un derby tutto in famiglia.
Il Foro è già pieno di bambini, di palline e di amanti del tennis.
La sposa ha lasciato il piazzale con i chicchi di riso tra le ciocche di capelli laboriosamente rifiniti dal parrucchiere all'alba.
?Insomma, non resta che iniziare il viaggio. Noi tra i campi rossi a ridosso del Tevere, lei su un atollo della Polinesia.