blog
home / BLOG / Corde Tese

Corde Tese

Pubblicato il 14 maggio 2013

Chilometri di matasse, chilometri di corde da intrecciare, tirare, annodare. In una parola: incordare.
Giá, gli incordatori un team sempre al servizio degli Internazionali, uomini che non appaiono, che vivono dietro le quinte, un necessario e indispensabile supporto per il torneo.
Il responsabile di questa operosa e funzionale squadra è Silvano, persona amabile e disponibile, che ci accoglie con entusiasmo all'interno del Centrale dove, appunto, trova posto "La clinica delle racchette".
Per prima cosa ci vengono mostrate le varie tipologie di corde che più si usano sulla terra rossa degli Internazionali e poi come vengono montate sul telaio:
"Durante il torneo lavoriamo circa 11 kilometri di corde. Il clima -ci dice Silvano- incide molto sulla scelta del settaggio e della tensione. Bisogna tener conto dell'umiditá, dei campi allentati e altro ancora." Incuriositi gli chiediamo la tensione richiesta dai tennisti agli Internazionali e scopriamo che la Raymond tira le corde a 36 chili mentre tra gli uomini primeggia Malisse con una tensione di 30. "Gli uomini giocano con più rotazione, la differenza è lì."
Insistiamo e cerchiamo di carpire da Silvano qualche altro dettaglio sulle richieste ed eventuali manie dei giocatori: "Molti non vogliono che gli venga toccato il manico, come Stepanek o le sorelle Williams, per evitare di rovinare l'impugnatura. È come se qualcuno sposta anche di poco il sedile della tua auto. Gasquet, invece, vuole che le sue racchette siano sempre le prime ad essere pronte appena iniziamo a lavorare, anche se deve giocare nel pomeriggio." Non solo, ci racconta anche che Nadal ha a disposizione un nutrito set di racchette: "Rafa ne ha nove -ci rivela- Quelle che non usa in partita le utilizza per allenarsi e poi tutte vengono rigenerate. Il concetto è: in partita con palle nuove, racchetta nuova". Incordature programmate ma anche incordature d'urgenza.
Una macchina, ci spiega paziente, viene lasciata libera per una sorta di pronto soccorso quando i match sono in corso: "A molti, naturalmente, capita di rompere le corde ma ci sono tennisti che, per scaramanzia o per altro, la rivogliono subito. In pratica una corsa contro il tempo."

Noi abbiamo finito, lasciamo la squadra di Silvano a lavorare, o meglio, a intrecciare, tirare e incordare…