blog
home / BLOG / Quattro sotto la Madonnina

Quattro sotto la Madonnina

Pubblicato il 30 novembre 2012

Tutto pronto: una Milano infreddolita dal nuovo anticiclone dal nome fantasioso accoglie quattro splendide tenniste. L’italiana piccola-grande sorpresa dell’anno (Sara Errani), la russa vincitrice di Parigi e numero due del mondo (Maria “Tiffany” Sharapova), la compagna di merende e di doppio di Sara (Roberta Vinci), la serba desiderosa di riscatto (Ana Ivanovic).

Un cocktail davvero esplosivo quello che si presenterà al Forum per la seconda edizione de “La Grande Sfida”, la competizione mista italiana-straniera di fine anno. Se l’anno scorso il palcoscenico è stato dominato dalle sorelle Williams e dalle azzurre Pennetta-Schiavone, quest’anno sarà il vento dell’est a vedersela con la coppia d’oro (e numero uno di doppio) tutta nazionale. Una sfida a cui non manca assolutamente nulla: bellezza, sia estetica che tennistica, forza, talento e speranza.

Per Sara e Roberta sarà un nuovo abbraccio con il pubblico italiano. Scoperte come se fossero una coppia di gemelle indivisibili, gli appassionati hanno imparato a conoscerle anche separate. Sara, soprattutto, è quella che ha “camminato” di più da sola: la finale di Parigi di quest’anno è stata la ciliegina sulla torta. Senza dimenticare New York dove il percorso della bolognese si è interrotto solo in semifinale con la donna bionica Serena Williams.

Roberta, quasi nell’ombra, ha vissuto le gioie della sua amica-compagna. Anche lei ha fatto grandi progressi raggiungendo la top venti e battagliando, anche se in modo molto particolare contro la stessa Sara a Flushing Meadows in uno stranissimo quarto di finale.

Il pubblico del Forum potrà vedere (e sentire, portate anche dei tappi gialli per le orecchie) la forza e la bellezza di Maria Sharapova. Vincitrice del Roland Garros, n.2 tra le migliori, si troverà a suo agio sia tra le linee del campo da gioco che sulle vie strette e addobbate per le feste di Montenapoleone&C. Sappiamo quanto le piaccia giocare così come essere diva.

A fine giornata chiederemo ai maschietti se avranno apprezzato di più le doti tennistiche o le qualità fisiche di Ana Ivanovic. Campionessa in campo dove raggiunse anche la vetta mondiale, cerca un decisivo riscatto per l’anno prossimo dopo stagioni-no. Il talento non le manca. Così come la sensualità: care mogli, per un pomeriggio chiudete un occhi, mariti perdonati.

Non ci resta che scendere i campo, siamo pronti!