blog
home / BLOG / Per tutte le stagioni

Per tutte le stagioni

Pubblicato il 13 novembre 2012

Si chiude come si era aperto. Da Melbourne a Londra facendo il giro del mondo tra tornei, superfici e stagioni climatiche. Si apre e si chiude con lo stesso trionfatore: Novak Djokovic.

Una stagione intensa quella del serbo, così come quella di tutto il circuito. Quasi 12 mesi in cui al ballo dei tre grandi si è aggiunto il quarto invitato Andy Murray (con regolare pass) con il suo trionfo agli US Open.

Novak ha vissuto una stagione di successi, con solo 12 sconfitte (alcune importanti). In molti avevano già preso l’inchiostro per dire che la sua parabola era in discesa. Forse quell’inchiostro si è seccato…

E’ passato dalla delusione sulla terra contro Rafael Nadal (quanto ci manca la sua assenza), a quella sull’erba di Wimbledon (Championship+Olimpiade) fino ai riflettori di New York in cui ha dovuto lasciare il palcoscenico per la prima volta allo scozzese targato Ivan Lendl.

E’ caduto e si è rialzato. Provate a guardare fotogramma per fotogramma la sua esultanza dentro il tendone della O2 Arena di Londra. Abbraccia prima idealmente con gli occhi il suo staff, poi scoppia in un urlo liberatorio per poi essere sommerso dalle loro mani.

Nole è ‘maestro tra i maestri’ in una finale contro il numero 2 del mondo e grande coprotagonista della serata, Roger Federer. Una finale che rende merito all’essenza di questo sport: corsa, colpi, cadute e ripartenze. Da farci un bel dvd e metterlo in salotto al fianco dei capolavori del cinema o della musica. Noi lo vedremmo bene tra The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd e La vita è bella di Roberto Benigni.

E’, di fatto, la chiusura della stagione. Ora gli atleti giramondo si prenderanno un bel mese sabbatico per staccare completamente la spina prima di ritrovarsi dall’altra parte dell’emisfero a gennaio 2013.

Una stagione maschile di grande tennis. Ci ha privato il maiorchino tutto muscoli Nadal di un semestre, ci ha regalato la maturazione di Andy. Ci siamo gustati Wimbledon versione 2.

Ci siamo ritrovati Nole in testa alla partenza, lo ritroviamo in cima alla lista ATP in coda. Onore al vincitore.