blog
home / BLOG / Il test dell’ammortizzatore

Il test dell’ammortizzatore

Pubblicato il 2 ottobre 2012

Puritani contro innovatori, chi per fede chi per convinzione.

Ciclicamente il grande circus del tennis azzarda l’introduzione di nuove regole. E,  inevitabilmente, crea due squadre contrapposte: guelfi e ghibellini.

I primi pensano che per rivitalizzare le palline non ci sia bisogno di pressione (interna) ma di fantasia (esterna). Tradotto: troviamo qualcosa da far provare nei circuiti minori e vediamo che succede. Ci provarono con l’innalzamento della rete per poi passare dall’ampliamento dell’area del servizio. Pessime scelte. Mai diventati tali.

I puritani oltranzisti pensano – i molti casi hanno ragione – che le “fantasiose” idee giungano da un fratello grande, anzi, dal Grande Fratello: la televisione e i suoi diritti milionari.

Il nuovo che verrà “testato”, come se fosse un ammortizzatore di una monoposto di Formula 1, sarà l’abolizione del net oltre che la riduzione del tempo di battuta tra un punto e l’altro.

Sulla prima questione sorvoliamo: follia pura e priva di senso tennistico. Le partite non diventeranno più belle, nemmeno tanto più veloci, sicuramente non più spettacolari.

Sulla riduzione del tempo di battuta qualche ragionamento accademico è legittimo ipotizzarlo. Siamo impressionati dalla mole di tick e metodicità di ogni tennista, maschietto come femminuccia. Chi il ciuffo, chi il pantaloncino, chi l’asciugamano. Si fa prima ad attraversare il Danubio a nuoto che vedere un game “rapido”. Certo, il meccanismo di penalizzazione è un po’ sfilacciato e si ha l’impressione che la nuova regola sia come il rimprovero di una maestra delle elementari.

Allo stato pratico ci sono molte perplessità. Vi immaginate sul 30-40 del 5°set, Nadal che perde tempo nel sistemarsi la famosa mutanda, viene penalizzato e subisce break? Fantascienza.

Noi non siamo a-innovazione ovvero anti innovazione. Non siamo altresì innovatori per necessità economica. Vogliamo gioire nel veder giocare (bene) il tennis del talento. Con le regole attuali o con qualche perfezionamento qua e là. E voi?