blog
home / BLOG / Giusto il tempo del jetlag

Giusto il tempo del jetlag

Pubblicato il 20 settembre 2012

Ci sarà giusto il tempo di riprendersi dal fuso orario di Melbourne, sperando di non soffrire troppo di jetlag. (Quante coppie di sposini, in luna di miele, hanno già provato l’esperienza prima di tornare al lavoro?!)

Il sorteggio di Davis porterà gli azzurri a sfidare, dall’1 al 3 febbraio, la Croazia di Cilic. Appena pochi giorni dopo la prima prova dello Slam, dall’altra parte della cartina geografica, quella tipica appesa come poster con le puntine nelle camerette dei ragazzi.

Si passerà dai 35 e più gradi del paese dei canguri all’inverno italiano. E, sicuramente, si passerà dal cemento speciale della Rod Laver Arena al rosso terraiolo. Un passaggio che i ragazzi del ct Barazzutti non dovrebbero risentire vista la loro smisurata vocazione verso la terra lenta.

Il sorteggio di Londra (che ringraziamo) ha evitato una sfida impari con la Spagna o la Repubblica Ceca, finaliste di questa edizione. Ma anche Serbia, Usa e Francia. Andiamo a prendere una bella bottiglia di Prosecco di Valdobbiadene per festeggiare? Non proprio, per essenzialmente due motivi.

Il primo è l’Italia. Che squadra sarà? Non dovrebbe cambiare in molto nei nomi (Seppi, Fognini, Starace, Bracciali&Bolelli), speriamo in qualità e agonismo.

Il secondo campanello d’attenzione è la natura della Croazia. Cilic è ora 13esimo in classifica Atp ma spesso discontinuo. Un giorno potrebbe assumere le sembianze di Federer, l’altro quelle di Marco Rossi (anonimo “pallettaro” della provincia di Bergamo). In più Karlovic, n.90, rappresenta cosa vuol dire possedere un bazooka come servizio.

La nota lieta è la sede della sfida: giochiamo in casa. La città è ancora da definire ma non mancherà sicuramente la passione tra gli spalti, come ha dimostrato l’ultima esperienza di Napoli. Vissuta anche da particolari #tennisreporter. Si sono armati di macchine fotografiche (alcune erano lunghe come canne da pesca), cappellini in testa per il sole tropicale della domenica e kway per la pioggia novembrina di venerdì.

Passione per la pallina gialla! Aneddoti, racconti, competenza e dedizione che potete vedere sulla nostra pagina Facebook. Nuovi occhi con cui apprezzare la sfida tra le righe. I prossimi sarete voi?!

 

photo credits: il nostro #tennisreporter, Dancoph