blog
home / BLOG / Quanta scaramanzia

Quanta scaramanzia

Pubblicato il 19 maggio 2012

Altro che gatto nero e cappello sul letto, i giocatori di tennis ammirati al Foro Italico sono più scaramantici di un napoletano ultraconservatore.

Riti e manie da Top Five:

N.5, corse e balzi.

Ana Ivanovic saltella pochi attimi prima di ogni battuta, Maria “Tiffany” Sharapova si dirige, prima di ogni risposta, verso i teloni del campo come se stesse cercando l’orecchino perso da 5.000€. Abbiamo seguito il loro match sul Centrale la sera. Siamo usciti con il mal di testa. Moment.

 

N.4, l’uso dell’asciugamano. 

Ci sono state giornate torride a Roma, caldo da prima estate. In alcuni casi anche ore ventose che hanno rinfrescato l’ambiente. Di giorno come di notte i tennisti sono stati accomunati dalla mania dell’asciugamano. Quasi a ogni punto, maschi o femmine che siano, chiedono ai poveri raccatapalle il panno bianco per rinfrescarsi. Da cosa, non si sa. La scena maestra può essere questa: fine del “time-cambio di campo”, giocatore alla risposta. Ace dell’avversario, asciugamano richiesto. Quale goccia di sudore sia scesa è ancora un mistero. Alieni.

 

N.3, la richiesta delle palline.

Ai nostri tempi (ma non sveleremo l’età media della redazione, ndr) si giocava con 2 palline. Una in mano e una in uso. Poi arrivarono i pantaloncini, una finì in tasca e una in gioco. Sempre due. Prima di ogni servizio, indistintamente maschietti&femminucce, chiedono ora 3, 4, 5 palline. Le testano, le tastano, ne danno indietro più della metà. A ogni battuta. Misteri divini.

 

N.2, le racchette.

La tecnologia avanza, le racchette arretrano. Quando si giocava con il “legno” era raro vedere strumenti di gioco abbandonati sulla panchina o distrutti (come anno zero di riferimento prendiamo l’arrivo nel circuito di John Mc!). Abbiamo visto durante un match 5 racchette cambiate da un giocatore, 4 dall’altro. In un’ora e mezza di gioco. Parsimonia cercasi.

 

N.1, la mutanda di Nadal

Dialogo rubato nell’area Hospitality del Foro. Voce che chiede l’anonimato ci fa notare “Nadal, con tutti i soldi che prende, non può trovare un paio di mutande che non gli diano fastidio?. Sempre lì a toccarsi il sedere prima di ogni battuta!”. Lodevole, grazie S.