blog
home / BLOG / Quarti di finale Coppa Davis – Day 1

Quarti di finale Coppa Davis – Day 1

Pubblicato il 18 luglio 2015

Hewitt e Groth tengono in vita i canguri. E già di per sè questa è una notizia. Gli australiani, privi di Tomic, coinvolto in guai molto seri con la giustizia americana di Miami, si sono dovuti aggrappare al doppio per “rimanere” in vita dopo la prima giornata di Coppa Davis. Tra tutti gli incontri per la conquista della prestigiosa insalatiera, la sorpresa arrivava proprio da Darwin, nord del Paese. Il Kazakistan, che ha eliminato l’Italia di Barazzutti al primo turno lo scorso inverno, si trovava su un clamoroso 2-0 dopo le vittorie di Mikhail Kukushkin su Thanasi Kokkinakis 6-4 6-3 6-3 ed soprattutto quella di Aleksandr Nedovyesov contro l'idolo locale Nick Kyrgios 7-6 (5) 6-7 (2) 7-6 (5) 6-4.

Sfida riaperta per i tanti tifosi con le magliette gialloverdi in tribuna. Toccherà a Kyrgios contro Kukushkin e a Kokkinakis (o Hewitt?) contro lo stesso Nedovyesov provare la rimonta nella giornata conclusiva di domani (notte fonda in Italia). Il Kazakistan, chiedere agli azzurri per conferma, non è una nazionale da sottovalutare. Forse gli australiani lo hanno fatto il venerdì, la domenica porterà consiglio.

Attraversando l’Oceano e tornando in Europa, la sfida più affascinante è senza dubbio il duello della Manica al Queen’s tra la Gran Bretagna di Andy Murray e la Francia di JF Tsonga. Sui campi in erba meno prestigiosi della City, dopo le due settimane di Wimbledon, i transalpini sono andati in vantaggio con un facile 3-0 di Gills Simon su James Ward. La replica britannica non si è fatta attendere con Andy che liquidava Tsonga in 2 ore e 35 minuti senza perdere nemmeno un set. Francesi, finalisti dello scorso anno contro la Svizzera di Federer e Wawrinka, ancora favoriti ma attenzione allo spirito battagliero dei sudditi di Sua Maestà. Il doppio potrà spostare alcuni equilibri.

Il duello con meno riflettori dei media puntati è quella tra Belgio e Canada. Padroni di casa avanti 2-0 sui nordamericani sulla terra rossa dello Sportpark Krokodiel di Middelkerke. Steve Darcis mette a referto il primo punto battendo Frank Dancevic in quattro set (3-6 6-1 7-5 6-3), poi tocca a David Goffin raddoppiare, regolando per 6-4 6-4 6-2 Filip Peliwo. Oggi si potrebbe chiudere con il doppio. Canadesi senza Raonic, praticamente spacciati.

Nuovo volo e nuovo fuso orario per passare in Argentina alla sfida tra la nazionale albiceleste e la Serbia priva del suo numero uno Novak Djokovic. Anche i sudamericani si trovano avanti per 2-0 al termine della prima giornata dei quarti. Nel primo singolare Mayer ha superato in tre set Krajnovic (6-4 6-2 6-1). Nel secondo, Delbonis si è imposto in rimonta e in cinque set su Troicki (2-6 2-6 6-4 6-4 6-2). Sono lontani i tempi delle sfide tra Del Potro e Nole, battaglie tennistiche tra due giocatori di assoluto talento. Juan Martin purtroppo è inseguito da una “jella” spaventosa, passa sotto i ferri della sala operatoria più volte di quanto una massaia vada al mercato a comprare la frutta. Nole, silenziosamente, sta vincendo uno Slam dopo l’altro per salire i gradini dell’Olimpo della racchetta e ha disertato l’attuale appuntamento con la sua nazionale per non dover affrontare fusi orari e cambio di superficie repentini.

La sua corsa è verso New York, verso l’US Open.

©Photo GettyImages