blog
home / BLOG / A Est vince l’Est

A Est vince l’Est

Pubblicato il 3 aprile 2012

Visto che è dell’Est avrà preferito confermare il titolo dell’East Coast americana.
Il numero uno del mondo, Novak Djokovic, rimarca la vittoria dello scorso anno a Miami e, a 25 anni, conquista il suo trentesimo titolo in carriera. Nessuna sorpresa ‘stile Indian Wells’ (West Coast, poche settimane fa) dove in semifinale era stato sgambettato dal gigante di casa Isner.
A contendergli il titolo, il suo coetaneo scozzese Andy Murray che, diciamo la verità, ha lasciato il primo set troppo agevolmente al serbo, imponendogli il suo gioco, più solido da fondo, solo nella seconda frazione conclusasi al tie-break.
Per Novak, la conferma di essere il più forte al mondo; per Andy, la conferma di essere tra i top player, ma con quel pizzico di cattiveria in meno rispetto ai grandi campioni.
Novak sicuramente lo è, anche per l’albo d’oro di Key Biscane: solo i beniamini a stelle e
strisce Sampras e Agassi erano riusciti a iscrivere i lori nomi almeno due volte nella
carriera in Florida.

La vera sorpresa dei campi affacciati all’Oceano Atlantico è giunta al terzo turno, quando
Roger Federer si è visto interrompere la sua striscia di vittorie consecutive stagionali da Andy Roddick. Casualità? Roddick non batteva Federer dal 2008. Dove? A Miami. Sarà.

Arrivare dall’Est fa bene anche in campo femminile. La polacca Agnieszka Radwanska, numero 4, ha sconfitto la strafavorita Maria Sharapova (siberiana di nascita, forse “troppo a est” per la vittoria in Florida). Un successo importante. Agnieszka, infatti, aveva dovuto
stringere per 7 volte su 8 la mano di Maria da sconfitta. Per lei, dopo Dubai, un titolo
prestigioso.
Il binomio Indian Wells-Key Biscane lascia pressoché invariati i livelli in campo, sia per gli uomini che per le donne. Le due tappe americane ci sono piaciute. Tennis in crescita, campi sempre pieni di gente, giovani talenti e positive conferme.
Ora il “gruppo” lascia i colorati campi porpora e verde per tuffarsi sul rosso europeo.
L’unico “neo” della tappa di Miami? Le bolle di sapone durante la premiazione femminile!

 

image credits: VadimK on Flickr